AMD Radeon HD 7950: la seconda scheda con GPU Tahiti


Sul finire dello scorso anno AMD ha presentato la prima scheda video con GPU prodotta a 28 nanometri, continuando a muovere passi in avanti verso lo sviluppo tecnologico e la miniaturizzazione dei componenti. Essere in grado di produrre, in grandi volumi, GPU con processo a 28 nanometri comporta importanti benefici: poter aumentare le frequenze di funzionamento, diminuendo allo stesso tempo i consumi è però solo la punta dell’iceberg. Perchè sviluppare GPU e in generale chip con questo determinato processo permette di andare anche ad abbattere, sul medio e lungo termine, i costi: tradotto in termini reali, meno materiale impiegato e prezzi al pubblico, si spera, più competitivi.


Radeon HD 7950

Rispetto alla "sorella maggiore", Radeon HD 7950 conta un numero di stream processor pari a 1.792, contro i 2.048: si tratta di una differenza di 256 stream processor, il che implica, a conti fatti, una disabilitazione di 4 Compute units all’interno della GPU. AMD ha lasciato ampio spazio ai partner: ecco allora che, in occasione del lancio, possiamo soffermarci ad analizzare l’andamento prestazionale non solo di Radeon HD 7950 nella versione reference, ma anche le proposte di XFX e Sapphire. I modelli proposti dai partner, come appare evidente dalla tabella sopra proposta, sono caratterizzati da frequenze di funzionamento ben superiori rispetto allo standard: se nel caso di Sapphire l’overclock di fabbrica riguarda solo la GPU, nel caso della soluzione di XFX anche le memorie sono state aumentate di frequenza.

A differenza di quanto assistito in occasione del lancio di Radeon HD 7970, il nuovo modello viene invece immesso sul mercato con quella strategia identificata come "hard launch": in corrispondenza della presentazione ufficiale, oggi quindi, Radeon HD 7950 sarà presente in volume sugli scaffali dei principali distributori. AMD ha, anche per questo motivo, lasciato ampio spazio ai partner: sarà così possibile trovare in commercio numerose proposte personalizzate, con frequenze di funzionamento superiori rispetto alla proposta reference.

Nelle prossime pagine andremo così ad occuparci dell’analisi prestazionale di Radeon HD 7950, osservando in particolare quanto l’architettura GCN permetta di scalare, prestazionalmente parlando, all’aumento di frequenza operativa.

Be the first to comment on "AMD Radeon HD 7950: la seconda scheda con GPU Tahiti"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*